riva-aquarama-special-italien.blog4ever.com

Motore & trasmissione

IL MOTORE:

Non farò un lungo discorso sul motore poiché è un po' l'incognita in questo settore... Ho scelto quello di dimensione più piccola ed il più performante nella sua categoria (cilindrata 13 cm3, potenza 4,2 CV, regime minimo 2000 giri/minuto e massimo 22000 giri/minuto).

Questo non significa che sia il migliore ed il più indicato, ma attualmente non ho trovato di meglio considerata la configurazione e lo spazio disponibile su questo tipo di modello.

 

 

LA SCATOLA DI TRASMISSIONE:

In realtà questa creazione è opera di Marc PETIT, che è stato il mio maestro nel settore del modellismo...

Gli avevo appena rivelato che stavo per costruire il modellino dell'Aquarama e che cercavo di risolvere il

problema della trasmissione con un motore a scoppio e due alberi di eliche.

Avevo intenzione di realizzare un cinematismo per mezzo di cinghie e pulegge dentate e pensavo di aggiungere un motore elettrico che mi permettesse di sostituire il motore a scoppio in caso di arresto di quest'ultimo in mezzo ad uno specchio d'acqua, per poter recuperare il modello...
In più, questo motore elettrico mi avrebbe consentito di  godere della retromarcia, impossibile da avere nel caso della realizzazione con le sole cinghie ed il motore a scoppio...

Dopo queste spiegazioni, non si parlò più di un tale cinematismo, poiché Marc aveva già la soluzione!

Mi disse chiaro e tondo che bisognava che facessi una scatola di trasmissione con ingranaggi conici e che così avrei avuto una retromarcia... Inoltre, associata ad un motore elettrico di avviamento a bordo, non avrei più avuto bisogno di motore elettrico annesso.

Stupito, gli ribattei che se ero capace di realizzare un cinematismo per mezzo di cinghie e pulegge dentate, ero altrettanto incapace di progettare ciò che mi aveva appena descritto...

E'allora che si è proposto di realizzare questa scatola di trasmissione per me!

Inizialmente ha realizzato il progetto, poi si è messo davanti alle sue macchine utensili ed ha assemblato questo puzzle meccanico fino ad arrivare a ciò che aveva immaginato!

Il suo lavoro è stato notevole e si è prolungato per tutto il periodo durante il quale io ho, da parte mia, costruito il battello!

Questa scatola di trasmissione ha necessitato di numerose messe a punto e di modifiche per adattarla al meglio ad un modellino che, malgrado la sua rispettabile dimensione, non offre moltissimo spazio all'interno del suo scafo...

Così attrezzato, il modello può, con l'aiuto di un solo motore, azionare due alberi d'eliche, ma anche essere avviato a distanza.

L'aggiunta di una frizione centrifuga consente l'innesto della marcia avanti, della folle e della retromarcia con il motore al minimo.

Il risultato è sorprendente e questa meccanica attira l'attenzione di un pubblico esperto in innumerevoli esposizioni.

Non mi restava che installarla nello scafo, collegarla agli alberi delle eliche per mezzo di giunti cardanici ed aggiungere il comando per l'inversione di marcia...

Ecco le foto di questa meravigliosa realizzazione.

                              Tutti i pezzi...

La scatola montata:

 

 

Posizionamento nello scafo da parte dell'ideatore...

 

Il motore a scoppio di 13 cm3 di cilindrata, accoppiato alla frizione, munito della corona dentata del motore elettrico di avviamento...

 

Il motore elettrico di avviamento a bordo che consente di far partire il motore a scoppio a distanza:

 

 

L'installazione dell'insieme motore - frizione - scatola di trasmissione nello scompartimento motore del modello... lo spazio è molto limitato!

Ecco un'immagine delle prove sullo specchio d'acqua

 

Sembrerebbe che l'emersione dall'acqua sia abbastanza difficile da ottenere...

Fine delle prove e ritorno al "cantiere" per delle modifiche, con l'ausilio di un rimorchio adattato per il trasporto e la messa in acqua.

¤¤¤

Sono state apportate delle modifiche alla scatola di trasmissione a livello degli ingranaggi d'uscita sugli alberi delle eliche. La demoltiplicazione inizialmente prevista di 1/2 passa quindi a 1/1.

Questo significa che non c'è più demoltiplicazione e che le eliche gireranno quasi allo stesso regime del motore, visto che è il caso di sottrarre le perdite sulla frizione e sulla scatola di trasmissione stessa.

Fatto ciò, non ho notato una grande differenza ed il battello non emerge comunque abbastanza dall'acqua...

Prove sul lago di Bessille nell'Hérault.
( foto Régis BOUTIER )

 

 

Sembrerebbe che il motore sia abbastanza a punto, ma restano da fare delle prove per verificare alcuni parametri, come la velocità di rotazione uscita motore e quella degli alberi delle eliche per essere certo che la frizione, slittando, non assorba una parte della potenza...

                         

 

¤¤¤¤

 

 

 Traduzione dal francese di Elisa GASPARI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




23/05/2011
0 Poster un commentaire

Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour